L’ANGELICA DELLE SORELLE SIMILI

Il mio primo lievitato, mai provato tanti anni fa.

Per questo motivo, è una ricetta alla quale sono molto affezionata e mi chiedo sinceramente come mai non l’avessi ancora pubblicata qui sul blog.

Come spiegano le Sorelle Simili, questa è la “libera versione di quella che veniva chiamata la Ciambella a macchina.

Non è particolarmente complicata da fare e dà moltissima soddisfazione.”

Riporto la ricetta così com’è stata pubblicata sul libro Pane e roba dolce, tra parentesi (come sempre) le mie note.

L’unica variazione che ho apportato riguarda la farcitura, dove all’uvetta ho affiancato qualche bacca di goji.

.. ma l’Angelica è talmente versatile che potrete farcirla come preferite, con crema alla nocciola, crema pasticcera/mele e cannella, pinoli etc etc

1

L’ANGELICA DELLE SORELLE SIMILI (dal libro Pane e roba dolce – Sorelle Simili)

Ingredienti

Per la pasta brioche:

Lievitino:
135 gr farina di forza (per me W330 o manitoba)
13 gr lievito di birra
75 gr acqua

Impasto:
400 gr farina di forza (per me W330 o manitoba)
75 gr zucchero
120 gr latte tiepido
3 tuorli d’uovo
1 cucchiaino di sale
120 gr burro

per la glassa velante:
4 cucchiai di zucchero a velo
1 chiara d’uovo

per la glassa coprente:
150 gr zucchero a velo
1 chiara d’uovo

e inoltre:
75 gr uva sultanina (per me 75gr di uvetta Noberasco + 25gr di bacche di goji Noberasco)
75 gr scorza d’arancio candita (per me niente)
50 gr burro fuso

2

Per il lievitino:

Amalgamare tutti gli ingredienti e lasciare lievitare per 30 minuti.

Per l’impasto:

In una ciotola (per me nella planetaria) mettere la farina, fare la fontana, mettere al centro il latte tiepido, i tuorli, lo zucchero e il sale e amalgamare con un poco di farina. Unire il burro (per me un po’ ammorbidito) e finire l’impasto battendo fino a quando si staccherà dalle pareti della ciotola.

Rovesciare sul tavolo, unire il lievitino e battere finchè i due impasti saranno  bene amalgamati.

Rimettere nella ciotola unta e lievitare 1 ora finchè sarà raddoppiata (per me è servito qualcosa in più).

Rovesciarla sul tavolo infarinato e stenderlo formando un rettangolo di 2-3 mm di spessore, senza lavorarla.

Pennellare abbondantemente con il burro fuso, cospargere di uva sultanina (e bacche di goji), precedentemente ammollata e asciugata, e di scorza di arancia candita e tritata.

Arrotolare il lato più lungo. Tagliare questo rotolo a metà per il lungo con un coltello affilato e sottile, infarinandolo ogni tanto. Separare delicatamente i due pezzi, girarli tenendo il lato tagliato verso di voi e formare una treccia, facendo in modo che la parte tagliata rimanga il più possibile all’esterno.

Mettere su una teglia da forno e chiudere a ciambella.

Pennellare con burro fuso e far lievitare 30-40 minuti coperta a campana (deve quasi raddoppiare – per me sempre qualcosa in più). 

Cuocere in forno a 200° per 20′-25′.

Nel frattempo diluire i 4 cucchiai di zucchero a velo con la chiara d’uovo fino ad avere una glassa semi densa.

Appena l’angelica esce dal forno, pennellarla con la glassa e lasciarla asciugare. Volendo si può mettere ad asciugarla in forno per 30 secondi.

3

Questa ricetta la trovate anche nel Magazine Noberasco

ilovenoberasco

4 thoughts on “L’ANGELICA DELLE SORELLE SIMILI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...