MAKE COLOURFUL THIS LIFE: BAKING THE RAINBOW CAKE

Cosa c’è di meglio che colorare queste giornate di fine autunno con una allegrissima Rainbow cake 😉 ?

Il procedimento è un po’ laborioso ma il risultato è assicurato e soprattutto lascerà senza parole quando, servendo la prima fetta, si scoprirà che quel candido scrigno di frosting celava in realtà un’esplosione di colori 😀 .

La ricetta delle basi è di Martha Stewart (l’originale la trovate qui, io l’ho tradotta e ho postato sia le dosi in cups/tsp che in grammi).

Linko la ricetta del frosting che lei propone, anche se io ho usato una semplicissima panna montata con un po’ di miele e profumata con i semi di bacca di vaniglia.

Oltretutto, cosa non indifferente,  questa ricetta è una manna per chi ha il freezer invaso da albumi congelati, di cui non sa come disfarsene :p

So, let’s paint this day ^_^ !

THE RAINBOW CAKE

Per 6 basi da 24cm di diametro:

3 cups di farina (408gr)

4 tsp di lievito in polvere (16gr)

1/2 tsp di sale (3gr)

2 sticks (1 cup) di burro non salato, a temperatura ambiente (225gr)

2 1/3 cups di zucchero (501gr)

5 grandi albumi d’uovo, a temperatura ambiente

2 tsp di estratto di vaniglia puro (per me semi di bacca di vaniglia)

1 1/2 cups di latte, a temperatura ambiente (360ml)

coloranti alimentari in gel (rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola)

Frosting per la farcia e la copertura:

Lemony Swiss Meringue Buttercream (la ricetta qui)

Io però ho usato della semplicissima panna (600ml) montata con 3 cucchiaini di miele e profumata con i semi di bacca di vaniglia

1. Preriscaldare il forno a 180 gradi. Imburrare 6 teglie (per me quelle usa e getta) del diametro di 24cm, rivestire il fondo con un disco di carta forno e imburrare nuovamente (io ho usato solo lo staccante spray). Tenere da parte.  

2. In una grande ciotola miscelare insieme la farina, il lievito e il sale; mettere da parte. Nella ciotola di una planetaria dotata di attacco a spatola (per me con il gancio a “frusta” o con delle semplici fruste elettriche) montare il burro e lo zucchero. Aggiungere lentamente gli albumi e mescolare bene. Aggiungere la vaniglia e mescolare fino a quando è completamente incorporata. Aggiungete il composto di farina e latte in due aggiunte alternate, a cominciare con la farina e terminando con il latte. Mescolare bene insieme.  

3. Dividere la pastella in sei ciotole. Aggiungere un colorante alimentare per ogni ciotola, mescolando fino ad ottenere la sfumatura desiderata. Trasferire ogni colore in una teglia. Trasferire in forno e cuocere fino a quando, inserendo lo stuzzicadenti nel centro della torta, uscità pulito, circa 15 minuti (infornando a gruppi, se necessario; per me 12 minuti).  

4. Togliere dal forno i dolci e trasferirli su una gratella, lasciare raffreddare per 10 minuti. Capovolgere le torte sulla gratella e lasciare raffreddare completamente.  

5. Con un coltello seghettato tagliare la parte superiore della torta per livellarla. Aiutarsi con un anello per montare il dolce. Posizionare lo strato viola sul piatto di portata. Stendere 1 cup scarsa di buttercream (per me panna montata profumata alla vaniglia) sopra il primo strato con una piccola spatola in modo che la farcia finisca appena oltre il bordo. Ripetere il processo con gli strati blu, verde, giallo, e arancione.  

6. Posizionarelo lo strato rosso. Delicatamente spazzare via le briciole con un pennello da cucina. Utilizzando una spatola, coprire la parte superiore e i lati con un sottile strato di glassa (per me sempre panna montata; utilizzare anche la farcia in eccesso visibile tra gli strati). Mettete in frigo fino circa 30 minuti (per me fino a poco prima di servire la torta).  

7. Utilizzando una spatola, coprire di nuovo la torta con la glassa rimanente (io ho omesso questo secondo rivestimento).

Per la decorazione:

pasta di zucchero coloranti alimentari in gel (rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola)

amido di mais

polvere perlescente

pennello

stuzzicadenti lunghi

Dividere la pdz in 7 palline, lasciarne una bianca e colorare le altre, ognuna con uno dei 6 coloranti in gel.

Con un po’ di ogni pallina colorata (non con quella bianca) formare 6 piccoli bigoli aiutandosi con un po’ di amido di mais per evitare che la pdz si attacchi al piano di lavoro; piegarli a semicerchio e confezionare l’arcobaleno.

Infilzare alla sua base 2 o 3 stuzzicadenti (tagliandoli se dovessero essere troppo lunghi) per ogni lato.

Far indurire (questa operazione sarebbe meglio farla il giorno prima in modo da avere il tempo necessario perchè l’arcobaleno si secchi).

Una volta che la torta è rivestita di frosting, decorarla a piacimento con stelline, palline ricavate stendendo la pdz (sempre aiutandosi con un velo di amido di mais) e ritagliando le formine con gli appositi cutter o con nuvolette formate da tante palline di pdz bianca.

In ultimo spolverizzare l’arcobaleno e le varie decorazioni con un po’ di polvere perlescente e montarle sulla Rainbow cake.

Con questa ricetta partecipo ai contest:

“Torta-Contest per 1 anno di Tessa”:

“Nidalea e il giardino dei limoni” – sezione ricette dolci:

Ricendario 2013:

ricendario

11 thoughts on “MAKE COLOURFUL THIS LIFE: BAKING THE RAINBOW CAKE

  1. È bellissima, colorata, solare e sembra anche abbastanza semplice da fare..
    Grazie x aver partecipato, la inserisco subito nel contest!,
    Un abbraccio
    Paola

  2. Pingback: C’EST L’AMOUR: PAPERMAN E GLI (ALMOST) RED VELVET WHOOPIE PIES CON CREMA DI RICOTTA E PROFUMO DI LIMONE | Unsoffiodipolveredicannella

  3. Ciao sono Giovanna, la tua torta è veramente bella. Ti potrei chiedere un consiglio? Oggi anche io ho voluto fare la Rainbow cake ma i dischi di torta non si sono lievitati sembrano delle crepes, secondo te li butto? Cosa potrei aver sbagliato? Non so è possibile che la colpa stia nella lavorazione del burro? Grazie ciao

    • Ciao Giovanna 😀
      Mi spiace per la disavventura con i tuoi dischi 😦 , considerato che è una cosa strana.. Non so come hai lavorato il composto ma forse hai usato un mixer? perchè sinceramente l’unico motivo che mi viene in mente è che magari il motore del mixer (non intendo le fruste elettriche ma proprio il robot) può aver riscaldato il composto in modo che poi in forno non ci sia stata la lievitazione…oppure può essere che hai aperto il forno mentre il composto si gonfiava, inibendo così la lievitazione. Altri motivi non ne riesco a trovare perchè non c’erano da aggiungere liquidi fusi, che se aggiunti magari troppo caldi, avrebbero potuto “uccidere” il lievito…a meno che non hai usato degli stampi troppo grandi e quindi il risultato è rimasto molto sottile. Io ti direi di assaggiare una briciolina e, se il sapore è buono, di continuare nonostante l’effetto visivo non perfetto 😉
      Ti auguro una felice serata.

  4. Ciao, ora ti dico come era il composto, grumoso e con un po’ di liquido (forse per gli albumi)io ho lavorato il tutto con delle fruste elettriche. Ma a te come viene il composto, come per il pandispagna?

    • la consistenza più o meno la vedi nella foto con le 6 ciotoline con il composto colorato: non è esattamente come quello del pds ma non è assolutamente grumoso e con un po’ di liquido…. è ben omogeneo e soffice… forse non era stato ben amalgamato il burro con gli albumi e quindi ti sei trovata un impasto “stracciato”, non uniforme. Calcola che io con la planetaria (che va cmq più veloce delle fruste) c’ho messo un bel po’ per lavorare burro e zucchero in modo da ottenere un composto bello spumoso e poi ho continuato ancora diversi minuti per amalgamare pian piano tutti gli altri ingredienti come da ricetta. L’hai assaggiato almeno per vedere il sapore?

  5. buongiorno, grazie delle tue risposte. non l’ho assaggiato :o( si l’impasto sembrava stracciato è vero. Ora ti vorrei chiedere secondo te posso fare un pan di spagna e colorarlo per fare lo stesso effetto della Rainbow?

    • Beh si, ad un certo punto, ti consiglio di preparare una base che ti riesce bene e di colorarla nelle 6 tonalità in modo da avere l’effetto rainbow. Ti consiglio solo di usare una base “consistente” che riesca a reggere il peso dei 6 strati, delle farcie e del frosting… io per es, del mio pds che è molto molto leggero, non mi fiderei perchè temo che non riuscirebbe a reggere il tutto 😉
      Buon fine settimana !!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...